La Psicoterapia di coppia può avere lo scopo, da parte del terapeuta, di osservare le fasi di sviluppo della relazione, le “disfunzioni”, l’allontanamento emotivo di uno o di entrambi i partner, i conflitti.

Così la coppia può rappresentare un’area di analisi molto interessante, per la Psicoterapia di coppia, in varie fasi e momenti della sua storia, anche a seconda del momento di vita del singolo partner.

Nella Psicoterapia di coppia ad orientamento sistemico, possiamo definire questa come il punto di incontro per molteplici relazioni, ad esempio le relazioni che esistono nelle famiglie d’origine e le relazioni che verranno a crearsi, a partire dalla coppia e nella formazione di una “famiglia” (figli, nipoti, ecc…).

Infatti, in ogni descrizione familiare, troveremo sempre, all’origine, una coppia, che sarà poi determinante per la storia della famiglia e dei suoi membri.

È proprio questa posizione cruciale e centrale della coppia, che spinge il terapeuta sistemico ad interessarsi a lei e a sceglierla come “sottosistema” in cui operare.

H. Erickson, che spesso si è trovato nei suoi studi a descrivere le coppie, suggerisce una buona ricetta da seguire per un buon matrimonio:

Prendendo spunto da questa “ricetta”, il terapeuta può proporre alla coppia, nuove visioni del loro sistema e riflettere insieme sugli aspetti che emergono come “problemi di coppia”.

Philippe Caillè, inoltre, offre un’interessante riflessione, rispetto alla definizione della parole “coppia”.

Psicoterapia di coppia

Cos’è una coppia?

“Oggi non è assolutamente facile riconoscere una coppia a partire dalle caratteristiche esteriori osservabili da tutti. I fidanzamenti che annunciavano la formazione della coppia rappresentano per lo più un rito desueto.

Lo stesso matrimonio civile o religioso non è affatto più un obbligo, o sovente serve più come occasione per una cerimonia festiva affinché una coppia, dopo un certo tempo, venga riconosciuta come tale, da tutti. Anche la coabitazione non sembra essere sempre una condizione richiesta.

Vista questa carenza di caratteristiche esteriori, come è possibile che noi consideriamo ancora come reale l’esistenza delle coppia, come è possibile soffrire della fragilità delle coppie e provare rimpianto per la scomparsa della coppia che abbiamo costituito?”

Questa riflessione, ci concede la possibilità di ricordare che oggi una coppia può essere descritta diversamente dal passato e che spesso non corrisponde alle caratteristiche tradizionali (fidanzamento, matrimonio, porto di alleanze, ecc…).


Tempi e modalità per la Psicoterapia di coppia

La psicoterapia sistemica di coppia, come anche quella individuale e familiare, si configura come una terapia “breve”, che si risolve in un numero limitato di sedute. Gli incontri sono di solito a cadenza quindicinale in una prima fase, successivamente diventano a cadenza mensile.

I colloqui hanno durata di un’ora e mezza.

“Il fiume modella le sponde e le sponde guidano il fiume”
                                                                                            Gregory Bateson